IN EUROPA È PARTITA LA CAMPAGNA ELETTORALE

IN EUROPA È PARTITA LA CAMPAGNA ELETTORALE

Roma, 19:36 – Un discorso molto atteso quello di Angela Merkel oggi all’Europarlamento di Strasburgo. Il dodicesimo leader che si è confrontato sul futuro dell’Europa.

La cancelliera tedesca ha tracciato la sua linea. Quella della Germania che è per molti il motore trainante del progetto comunitario . È stata accolta da un’aula che le ha consegnato applausi ma anche numerose critiche. L’aria che si respirava era di evidente fine legislatura. E di una leadership al tramonto.

Tolleranza , solidarietà e responsabilità le parole più risuonate nell’intervento della Merkel che è durato trenta minuti in giacca rigorosamente turchese scuro. Ad ascoltarla anche il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, e alcuni commissari.

La tolleranza è stata evocata per trovare giustificazione ai flussi migratori. La solidarietà per convincere gli stati membri a restare uniti nell’interesse della competitività economica. La responsabilità per ammonire gli indisciplinati a non mettere a rischio la tenuta finanziaria dell’Ue.

Poi la Merkel ha tracciato il sentiero da seguire in politica estera per aver peso nello scenario internazionale. La soluzione – ha detto – è la creazione di un esercito europeo da inserire nella Nato e non in contrapposizione.

Tra le critiche più vivaci quella dell’euroscettico britannico, Nigel Farage, del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta: “Mi congratulo con lei signora Merkel perché senza di lei non avremmo avuto la Brexit. Grazie a lei ed alla sua politica migratoria il prossimo parlamento sarà pieno di euroscettici di sinistra e di destra”.

Puntuale la replica della tedesca: “I nazionalismi e gli egoismi non devono più risorgere in Europa. Degli errori ci sono stati lo ammetto. Ma l’Ue è un progetto che ci garantisce pace e benessere da lunghi anni. Dobbiamo rafforzarlo e cambiarlo in meglio, non distruggerlo ”.

Questo il campo in cui si giocheranno le prossime Europee. Il 26 maggio si voterà per il rinnovo del Parlamento europeo. 500 milioni di cittadini rappresentati da 750 eurodeputati di 27 paesi membri.

RFI24 – PRESS